TAN e TAEG prestiti-auto.it

Informazioni generali: TAN e TAEG

Il Tan e il TAEG, sono due termini criptici e strani, ma di uso comune nella vita di tutti, utilizzati per lo piè negli spot pubblicitari delle varie Banche e/o Finanziarie, nonché attraverso gli annunci di prodotti acquistabili a rate.
Probabilmente, ognuno di noi , ha sentito o letto almeno una volta queste parole, ma non tutti sanno cosa significano e soprattutto nonn ha dato il giusto per ed importanza al loro significato.

Prima di tutto è necessario mettere in evidenza la sostanziale differenza tra le due voci:

- Il TAN è il Tasso Annuo Nominale, che analizza unicamente il tasso di riferimento delle rate;

- Il TAEG è il Tasso Annuo Effettivo Globale include nel calcolo tutti gli oneri, anche quelli accessori quali istruzione pratica, spese ed altro.

In tutte le offerte, il TAN risulta e viene specificato in maniera chiara e visibile. Molto meno evidente è la forma sotto la quale viene comunicato il TAEG che, anche se per legge deve sempre comparire o essere nominato, in genere viene relegato all’ultima parte dello spot, citato velocemente, oppure in un angolino del cartellone pubblicitario, con una grafica e caratteri piuttosto piccoli.

Bisogna fare molta attenzione al Tan ed al TAEG quando si chiede un finanziamento o si decide di acquistare qualcosa a rate, infatti sono questi due valori che determineranno gli interessi che ciascuno andrà a pagare alla società o alla banca che gli ha concesso il finanziamento.

Come calcolare il TAEG

Il criterio per calcolare il TAEG è fissato dalla legge ed è rappresentato da una formula:
esso risulta dal confronto della somma netta effettiva ottenuta in prestito con l'esborso in denaro complessivo dovuto per la restituzione.
La somma netta reale è ciò che resta del prestito ottenuto dopo che sono state sottratte le varie spese per istruttoria, avvio della pratica, eventuale assicurazione vita, etc...
Per determinare i costi sostenuti dal beneficiario del finanziamento per la restituzione rateale sino all'estinzione del finanziamento, cioè la rata mensile costante di rimborso, comprensiva degli interessi, maggiorata delle eventuali relative spese di incasso.
Partendo da questi valori ed applicano la formula, si ricava il valore cercato.